Bisolfito nel vino fa male

In che misura sono presenti nei vini che beviamo? Ma cosa sono di preciso i solfiti? Queste sono le domande che molto spesso i consumatori di vino si pongono.

In quali cibi si trovano i solfiti, oltre che nel vino ? Conoscere i solfiti e vivere felici.

Quanti solfiti ci sono nel. Le cantine naturali, ormai diffusissime nel nostro paese . Inconsapevolmente ogni giorno ne assumiamo in quantita elevate, infatti sono largamente usati nel campo alimentare come conservante per evitare effetti indesiderati e aumentare la durata dei prodotti. E2(anidride solforosa), E2( solfito di sodio), E2( bisolfito di sodio), E2( metabisolfito di sodio), E2( metabisolfito di potassio), E2( solfito di potassio), E2( solfito di calcio), E2( bisolfito di calcio), E2(potassio solfito acido). Questo ha portato alla creazione di marchi con volumi più elevati di vini privi di zolfo come Naturae di Gérard Bertrand nel Sud della Francia, o persino alla produzione di serie speciali di vini privi di zolfo destinate alle catene di supermercati.

No, ma avrà degli effetti . Per questo abbiamo deciso di scrivere in alcuni punti che cosa sono e quali sono le concentrazioni di solfiti nel vino convenzionale,.

Le vitamine e le proteine sono presenti nel vino in scarsa quantità, ma i sali minerali si trovano in buona quantità in tutti i fermentati alcolici. Inoltre, vino e superalcolici, sempre secondo i più rigidi esperti, conterebbero come unico principio nutritivo i glucidi (gli zuccheri). Mito da sfatare: i solfiti nel vino causano il mal di testa.

A causa della preoccupazione per la salute della popolazione sensibile, vini superiori a ppm (parti per milione) devono essere etichettati con la . Perché è meglio evitarli? Le scrivo per porgerLe un problema che mi è nato un pò di mesi fa. Ho scoperto che quando bevo esattamente solo dita di vino o qualsiasi altro tipo di alcol, mi succede una strana cosa: divento rossissima in faccia, a macchie bianche, ma dove si presenta il rossore, è un rossore fortissimo e le macchie . In questo caso i sospettati sono quei coadiuvanti enologici di legge immessi nel vino e che sfiorano il massimo consentibile.

Si possono trovare in diversi alimenti, alcuni dei quali li generano naturalmente, come nel caso del vino , oppure sono aggiunti come additivi in funzione di . Esistono, pertanto, soggetti affetti da asma bronchiale sensibili ai solfiti disciolti nel vino a scopo conservante (vedi “ Asma bronchiale: malattia da conoscere”) i quali,. In questi pazienti, infatti, il contatto del solfito con i succhi acidi dello stomaco contenente acido cloridrico (HCl), produce anidride solforosa, gas in grado di . Se un vino è destinato solo al mercato interno, invece, nessun problema. Ora parliamo di ciò che sta più a cuore ai consumatore.

Innanzitutto: cosa sono i solfiti? In ogni caso è bene ricordare che i solfiti non fanno male e non esiste alcun vino completamente privo, perché vengono prodotti naturalmente. Parliamo dei solfiti per capire come possono influire sulla scelta e la valutazione del vino.

Partiamo da alcune nozioni di base. Il solfito è composto di zolfo e ossigeno. Ne esistono varie forme – anidride solforosa, bisolfito di sodio ecc. L’affermazione precedente potrebbe apparire un po’ ambigua dato il diffuso luogo comune per il quale “il bisolfito fa male ” (il bisolfito è un formulato commerciale che ha lo scopo di irrorare SO2). In effetti, tra le conseguenze dell’ anidride solforosa nel vino c’è il tipico cerchio alla testa o l’irritazione gastrica.

I solfiti sono naturalmente contenuti nel vino perché prodotti dalla . Spesso da buon consumatore attento mi soffermo sulle etichette dei prodotti che acquisto e ho notato, così come suppongo molti di voi, che molti cibi e bevande sono accomunati da un particolare: i solfiti.